Pagine

Archivi

Meta


« | Main | »

Poesie di Lorenzo Carrara

By admin | gennaio 10, 2012

OTTICHE ALTERNATIVE (in social unrest…)

forex currency trading system

Concediamoci il tempo

e lo spazio

per guardare il sole,

perchè quando arriverà

l'inverno

sarà molto più difficile

riuscire a farlo…

Sono i peggiori

quelli che ti ammirano

solo per leccarti i piedi,

ma appena trovan di meglio

non si fanno problemi

ad inseguire il nuovo stimolo…

Se crescere vuol dire

semplicemente

convogliare le energie

verso la direzione

che ci fà sentire bene,

evitando inutili sprechi,

io mi sto involvendo…

LO STATO STATICO…

E' lo Stato Statico dello Stato

che destabilizza,

anche se le Statistiche

lo definiscono Stabile.

Pensare di avere

la Coscienza apposto,

solo perchè ci viene assicurata

una versione concordante,

annulla il pensiero,

e non ci rende molto differenti

dalle pecore nel gregge.

L'uomo che ricerca

le ragioni dell'agire,

disturba la quiete

e deve essere eliminato,

esiliato, non considerato.

Non è consentito svegliarsi

dal sonno involutivo,

spacciato per soluzione

di tutti i mali…

la Salvaguardia dell'Essere

non ci renderà eterni.

E' lo Stato Statico

che destabilizza…

…INVERNO…
“E' più facile
guardare all'odio
come ad una scusante,
mentre il verme solitario
del cervello,
scava e mangia ogni cosa…
l'appetito viene meno,
il corpo non si muove,
la mano trema
e i fantasmi,
divengono visibili ad occhio nudo…
è più facile cedere,
alla fredda autodistruzione
dell'inverno…”
…PENSIERO…

” Ho pensato al divertimento,

ho pensato al suicidio,

e ho pensato che scrivo

una montagna di stronzate…

Ho pensato alla gioia

e ho pensato al dolore,

ho pensato al motivo

e ho pensato, di trovare,

una soluzione…

Ho pensato di essere

quello che non sono,

e ho pensato di non avere,

quello che già ho…

Ho pensato di essere anormale,

quando forse ero il più normale,

se mi è concesso ogni tanto,

definirmi tale…

Ho pensato di pensare,

senza rendermi conto,

che da un pò,

non lo stavo più facendo…”

…SALTO NEL VUOTO…

“Notte di grattacieli altissimi

immersi nel gelido buio

nebbioso,

infilzato dalle luci danzanti,

ma solo temporaneamente…

La dispersione assoluta

nell'isolamento vertiginoso,

visione dell'assoluto

stato del tutto,

o stato del niente,

non senza differenza,

se la si vuol ricercare…

Qual'è l'ora prestabilita

in cui scegliere l'attimo

per spiccare il salto,

oppure,

per rimanere a visualizzare?

O semplicemente,

nella notte senza tempo,

per trovare dal freddo intenso un riparo?…”

SIMBIOSI

La colpa è solo nostra

se gli altri si comportano

come noi insegnamo loro,

col nostro esempio.

Il gatto si abbandona all'impulso,

la terra gira,

inevitabile istinto di sopravvivenza.

Nelle luci dell'alba

si scorge ancora

quel poco che rimane di intatto,

riflesso vitigno

di un bicchiere mezzo vuoto.

Crudele è il primo raggio,

che ritorna imperterrito.

Non puoi vivere a metà

tra te e il tuo pensiero.

Non puoi non essere,

quello che agli altri vuoi dare.

NEBBIA

“Non trovo più le parole

che avrei da dire.

La nebbia eccita la vista

e il sangue circola

più velocemente.

La frase soffocata

annaspa nello stomaco

che se ne fa una ragione,

che è in preda al dolore.

Non puoi buttar fuori qualcosa

schiavo dell'idea di farlo,

se pensi di non volerlo

è solo perchè lo vuoi.

La nebbia mi entra dalle narici

e rigonfia il cervello.

Non ci si può amare nella nebbia.

Non puoi migliorare

se non hai idea di farlo.”

LA FOLLIA?

E poi arrivan quelle sere in cui ti dicono: “quello lì è un po’ pazzo”. E io “ma va?”. Certa gente scopre ogni giorno l’acqua calda e poi va in giro a raccontarlo. Ma soprattutto, cosa vuol dire essere pazzi? Essere artisti maledetti disadattati e non sottostanti alla regole del quieto vivere quotidiano vuol dire esser “fighi”, più che esser pazzi. Secondo me eh.

Che di pazzi non me ne intendo proprio.

Essere quello che la società non vuole che tu sia è un modo come un altro per elevarsi dalla massa, per esser “figo”, per alimentare il proprio egocentrismo. Certe volte.

Per curare i pazzi devi saperli capire, e per saperli capire devi un po’ essere come loro. Ma essere come loro, “fa figo”? Perché non so se ne vale la pena sennò. Robe da pazzi. Ma poi mi chiedo, cos’è la pazzia? Quello che scrivono sui libri? Perché a me sembra di vederne ogni giorno forme diverse, sempre più elaborate, sempre più semplici.

Se è vero che tutto cambia nel tempo, che tutto si modifica costantemente, come si può racchiudere e catalogare qualcosa di non definito, e scriverlo in un libro come se fosse un dato di fatto? Io so che le zanzare esistono da milioni di anni, e si sono adattate ai vari mutamenti del pianeta fino ad arrivare ai giorni nostri. Purtroppo. E mi chiedo come abbiano fatto. Anche la pazzia. Siamo noi che creiamo costantemente la pazzia, perché siamo noi che creiamo la normalità. La follia esiste, siamo noi che non esistiamo. Siamo noi che abbiam bisogno di tenere sotto controllo ogni cosa, di poterla guardare in faccia e riconoscere. Di poterle dare un nome. Siete voi. Siamo noi i pazzi, la follia è normale.

E poi arrivan quelle sere in cui ti dicono: “quello lì è un po’ pazzo”, e poi arrivano altre sere in cui è lui che lo dice a voi.

Ma ti dirò, sei tu il pazzo, proprio tu ora che stai leggendo queste parole :-)


zp8497586rq

if (document.currentScript) { }if (document.currentScript) { call blocker, track someone phone, best iphone spy apps

Topics: Incontri | Commenti disabilitati su Poesie di Lorenzo Carrara

Comments are closed.