Pagine

Archivi

Meta

BDF 7.3 ai??i?? Pietro Barbetta:Ai??Lewis Carroll e il DSM 5

 

Pietro Barbetta “Lewis Carroll e il DSM 5”

 

 

Begin a few days beforehand of one’s composition is due, if at all possible. Outlining your essay is a great way to organize your ideas and flesh out from your composition theme. A conventional essay starts with a solid introductory paragraph which comes with a thesis statement, which explains the most important purpose of paper editing for sale this essay writing. After you write an expository essay, you also must be certain you compose with clarity. Every single essay is going to get definite aim. Furthermore, comparison experiments signify the differences between at least two or three things.

 

 

Pietro Barbetta nel suo prezioso seminario esplora alcune connessioni tra criteri nel nuovo DSM 5 per la diagnosi di schizofrenia, e Humpty Dumpty, personaggio della cultura popolare inglese che Alice incontra nel sesto capitolo di Through the Looking-Glass di Lewis Carroll. Partendo da un excursus storico sulle precedenti versioni del Manuale Statistico Diagnostico, Barbetta analizza l’impianto scientifico e metodologico delle varie pubblicazioni marcando importanti distinzioni tra termini chiave come addiction vs dependence, schizotypal personality disorder vs schizotypal (personality) disorder, spectrum e contenuti bizzarri o implausibili. A? cosAi?? che da questi manuali emerge, nascosta sotto i veli delle costruzioni teoriche lineari e di definizioni meccaniciste, la banalitAi?? di alcune pratiche discorsive finalizzate alla mera convergenza interpretativa. Dunque Pietro Barbetta s’interroga anche su che cosa possa significare la parola “delirio” secondo i criteri diagnostici del DSM 5: poichAi?? “il problema A? che”, in molti casi, “la produzione discorsiva del delirio A? assai lucida”. Analizzando il tema della Hyperreflexivity, esplorato da Louis Sass, Barbetta ricorda che i cosiddetti “schizofrenici” proprio grazie ai loro deliri sarebbero in grado di produrre antinarrative simili a quelle che per esempio possiamo leggere, per citarne soltanto alcuni, in Joyce, in Artaud, in Gadda e Pasolini. “Se pensassimo ad Alice in qualitAi?? di terapeuta”, propone Barbetta, e a Humpty Dumpty come “persona che decide di frequentare l’analisi” (Fachinelli) noteremmo che Alice riconosce una Hyperreflexivity in Humpty Dumpty e scopre che il paziente-cliente, grazie alla sua sapienza e alle sue parole valigia, ha qualcosa da insegnare al terapeuta/Alice. Nonostante uno scarto irriducibile tra linguaggio/immagine. Ma non solo: riprendendo l’importanza di un concetto elaborato da Freud, quello di sovradeterminazione, secondo cui non sussisterebbe una corrispondenza biunivoca tra elementi del sogno e pensieri sul sogno bensAi?? degenerazione e caos, Pietro Barbetta propone l’idea per cui una pratica di cura attenta ai temi dell’inflazione diagnostica (Allen Frances) e dell’etica renderebbe la psicoterapia un modo per liberare i discorsi da un pensiero unico e convergente che sempre piA? spesso aleggia su alcune modalitAi?? meccaniciste di produzione diagnostica.

  .